COLORI

 

Nero

Il mantello del Maine Coon può presentarsi in diverse colorazioni e non sono ammessi unicamente i colori chocolate, cinnamon, fawn, lilac e le colorazioni a motivo siamese (pointed). Il colore degli occhi più comune è l'ambra o il verde; solo i Maine Coon bianchi o con pezzature bianche possono avere gli occhi azzurri o gli occhi impari (un'occhio ambra e uno azzurro o uno verde e uno azzurro).

I differenti caratteri genetici, variamente combinati tra loro, concorrono alla formazione del colore finale anche se, in realtà, due sono i pigmenti che definiscono il colore del mantello: il nero e il rosso. 

Le differenti colorazioni sono quindi date da una base che può essere nera (black), rossa (red) oppure tortie (colore in cui coesistono entrambi i pigmenti, generalmente ad appannaggio solo delle femmine).

Partendo quindi da una base black, red o tortie ecco quali sono le diverse caratteristiche con cui può esprimersi il mantello:

  1. L'Agouti e il non Agouti

  2. La diluizione 

  3. Il Silver e lo Smoke

  4. Le pezzature bianche

  5. Il Bianco

1. L'Agouti e il non Agouti, ossia la tigratura

Il  mantello  Agouti,  ovvero  tigrato o tabby,  è disegnato:  a zone  con  peli di  un  solo

colore si alternano zone con peli costituiti da bande alternate di colore chiaro e scuro. Sul mantello sono visibili dei veri e propri disegni che sono così definiti: tabby blotched conosciuto anche come tabby classico, tabby mackerel detto anche tabby tigrè, tabby spotted e tabby ticked.

- Tabby blotched: è caratterizzato da marcature a forma di ali di farfalla presenti sulle spalle e sui fianchi. Inoltre sulla schiena sono visibili tre linee verticali più ampie che partendono dalle spalle scendono fino alla base della coda. Su ciascun fianco, al di fuori delle linee della colonna vertebrale, sono presenti grandi macchie del colore base (black o red), circondate da una o più linee più scure del colore del disegno. Le marcature dovrebbero essere il più possibile simmetriche su entrambi i lati del corpo. La coda di un mantello tabby blotched ha 4-5 anelli di colore più scuro e la punta, anch'essa più scura, in tinta unita.

Black tabby blotched
Red tabby blotched
Black blotched.gif
Red blotched.gif
Black tabby mackerel
Red tabby mackerel
Black mackerel.gif
Red mackerel.gif

- Tabby mackerel: è caratterizzato da una linea dorsale un po’ più sottile del tabby blotched che dalla parte posteriore della testa arriva sino alla base della coda. Spesso è presente su ciascun lato della linea dorsale una linea parallela ancora più sottile. Numerose linee strette e più scure corrono verticalmente lungo il corpo dalla spina dorsale alla pancia, facendo apparire un disegno simile a quello delle tigri. Queste linee verticali dovrebbero essere il più continue possibile e il disegno dovrebbe essere il più simile possibile su entrambi i lati del corpo. La coda di un tabby mackerel ha più anelli di quella di un tabby blotched, di solito sono 7-8, ma come per il precedente la punta della coda è più scura e in tinta unita.

- Tabby spotted: questo disegno è caratterizzato dalla “rottura” delle linee su collo e spalle del tabby blotched o del tabby mackerel in piccoli punti. Si presenta con macchie distinte, numerose, simili su entrambi i lati del corpo, che non si fondono l'una con l'altra. La coda ha un numero di anelli minore o maggiore in funzione del pattern di base: 4-5 se deriva dal blotched, 7-8 se deriva dal mackerel.

Black spotted.gif
Black tabby spotted
Cream spotted.gif
Red tabby spotted

- Tabby ticked: il ticked è caratterizzato da peli suddivisi in una o più bande di colore alternato scuro e chiaro diffusi su tutto il corpo. Nessun pelo è monocolore tranne quelli all'estremità della coda, alle piante delle zampe posteriori e dove sono consentite deboli marcature ossia muso e fronte, gorgiera e linea sottile della colonna vertebrale.

Tutti i mantelli Agouti, indipendentemente dal tipo di disegno, presentano la tipica marcatura ad M sulla fronte, strisce sul retro del collo e strisce sulle guance a partire dall'angolo esterno dell'occhio. Gli occhi e il naso mostrano un contorno più scuro rispetto al colore di base. Su entrambi i lati del labbro è presente un'area molto pallida, spesso quasi biancastra, che solitamente si estende fino a coprire i portabaffi che sono "a puntini" (ogni baffo si innesta su una macchia più scura del resto del portabaffi). Anche il mento è molto pallido, quasi bianco. Le orecchie hanno un colore più chiaro sul bordo e peli più chiari all'interno.

Il mantello non Agouti, altrimenti detto solido, non presenta disegni e ha un colore omogeneo, ovvero non ha peli a bande alternate di colore scuro e chiaro. In realtà il pelo del gatto è sempre suddiviso in bande di colore, ma questo gene impedisce al colore più chiaro di manifestarsi e fa apparire come omogeneo il colore finale del pelo. Su mantelli a base black il gene lavora molto bene, mentre lavora meno bene su quelli a base red. Per questo motivo è più difficile distinguere un mantello rosso o crema Agouti/non Agouti rispetto ad un mantello Agouti/non Agouti con base black. Alcuni indizi possono aiutare nel distinguerli: in un non Agouti il mento e il labbro non sono pallidi, l’area intorno agli occhi e al naso non è più scura e i bordi delle orecchie non sono di colore più chiaro.

Passa col mouse sulle immagini per vedere l'effetto del gene non Agouti
 

2. La diluizione

La diluizione non è un vero e proprio colore, ma è un gene che schiarisce il colore base del mantello modificando la disposizione dei granuli di pigmento presenti su ogni pelo. La luce è quindi riflessa diversamente rispetto al non diluito e viene a crearsi l'effetto di un colore più chiaro. Il black diluito diventa blue, il red diventa un cream e il tortie diventa tortie diluito (da nero/rosso a blu/crema).

Black mackerel.gif
Red solido blotched.gif
Black blotched.gif
Black2.gif
Black tabby blotched
Black tabby mackerel
Black
Red blotched.gif
Red mackerel.gif
Black2.gif
Red tabby blotched
Red solido mackerel.gif
Red tabby mackerel
Black spotted.gif
Cream spotted.gif
Black tabby spotted
Red tabby spotted
Black
Black
Red
Red
Red
Black2.gif
Red solido spotted.gif
Passa col mouse sulle immagini per vedere l'effetto del gene diluizione
 

3. Il Silver e lo Smoke

Il silver, analogamente alla diluizione, non è un colore ma un gene che sbiadisce il colore base del mantello, agendo in particolare nelle aree più debolmente pigmentate: labbro, mento, pancia, peli in prossimità del bulbo e sottopelo. Il mantello silver si riconosce quindi perché la base del pelo appare sbiadita, di colore argenteo. Questo gene, detto anche inibitore della melanina, può combinarsi sia con l'Agouti sia con il non Agouti: il colore di conseguenza risultante viene definito silver, nel caso di mantelli tabby, oppure smoke, nel caso di mantelli solidi. Insieme al colore base e al tipo di tigratura i termini silver e smoke vanno a definire il colore del gatto. Alle volte nello smoke è presente quella che viene definita marcatura fantasma o ghost marking: in questo caso mantelli solidi presentano disegni simili a quelli dei tabby, anche se meno definiti. Come per Agouti/non Agouti osservando le zone del muso, in particolare le aree intorno a bocca, mento, labbro, orecchie, e il tartufo è possibile discriminare tra silver e smoke.

Black mackerel.gif
Cream blotched.gif
Black blotched.gif
Blue blotched.gif
Black tabby blotched
Black tabby mackerel
Blue tabby blotched
Red blotched.gif
Red mackerel.gif
Blue mackerel.gif
Red tabby blotched
Cream mackerel.gif
Red tabby mackerel
Black2.gif
Red solido blotched.gif
Black 
Red 
Blue tabby mackerel
Blue
Cream tabby blotched
Cream tabby mackerel
Cream
Blue.gif
Cream solido blotched.gif
Passa col mouse sulle immagini per vedere l'effetto del gene silver
Blue mackerel.gif
Black blotched.gif
Black silver blotched.gif
Black tabby blotched
Blue tabby mackerel
Black silver tabby blotched
Blue mackerel silver.gif
Cream spotted.gif
Red tabby spotted
Blue silver tabby mackerel
Red silver tabby spotted
Red silver spotted.gif
Black.gif
Black smoke.gif
Black shaded.gif
Mantello solido:
il pelo è colorato in modo uniforme
Mantello smoke:
solo la parte del pelo prossima alla radice è argentata
Mantello shaded:
circa 2/3 del pelo sono argentati

Rufismo: un mantello silver o smoke dovrebbe avere il colore più argenteo possibile, ma un discreto numero di mantelli silver o smoke presenta in alcune zone un alone giallastro o brunastro, detto rufismo. Il rufismo è spesso visibile su muso, zampe anteriori oppure si manifesta come piccole macchie su collo o schiena.

 

4. Le pezzature bianche

Tutti i colori e i disegni base possono essere combinati con pezzature bianche di diverso grado che vengono indicati da termini precisi:

- Van: è il più elevato grado di pezzatura ed è attribuibile quando il colore è presente solo su testa e coda. Il resto del corpo risulta bianco, con l’eccezione di qualche piccola macchia colorata occasionale.

- Arlecchino: è un grado leggermente inferiore di pezzatura bianca. Vengono definiti arlecchino i mantelli che sono almeno per il 50% bianchi e hanno pezzature colorate di diverse dimensioni distribuite in maniera non omogenea.

- Bicolore: i mantelli bicolore hanno una percentuale di bianco che varia da un minimo di 25% a un massimo del 50% del corpo; generalmente il bianco è presente per quasi tutta la lunghezza delle zampe, su pancia e gorgiera e si estende fino a parte dei fianchi.

- Con bianco: è la definizione che si utilizza quando la presenza del bianco non supera il 25% del corpo. Nella dicitura con bianco rientrano i mantelli che hanno guanti su parti delle zampe, pancia e gorgiera bianche fino ad arrivare a mantelli che mostrano solo una piccola macchietta bianca, puff, sotto al mento, sul petto o nella zona inguinale.

blue spotted van.gif
Van
Arlecchino
Black arlecchino.gif
Black blotched ww.gif
red mackerel bicolor.gif
Bicolore
Con bianco
 

5. Il bianco

Anche il bianco non è un colore vero e proprio, ma è dovuto ad un gene, White, che impedisce al colore reale del gatto di manifestarsi. Il mantello, sotto al bianco, può quindi essere di uno qualunque dei colori descritti in precedenza. Spesso il colore base è visibile nei cuccioli appena nati: una o più macchie di colore possono essere presenti sulla testolina e si schiariranno, fino a sparire, durante la crescita. 

TORTIE - che passione

E il tortie? Accennato a inizio articolo non è poi stato rappresentato nelle immagini: il rosso e il nero possono combinarsi in talmente tanti modi diversi che nessun disegno avrebbe reso giustizia a questo meraviglioso mantello. Di seguito sono raccolte, grazie alla collaborazione dei nostri Soci, alcune fotografie che ci offrono uno spaccato di questo stupendo colore.

Definire il colore di un gatto

Definire correttamente il colore di un gatto non è quindi sempre immediato: oltre al colore base va segnalata l'eventuale presenza di silver, di tigrature specificandone la tipologia, se sono presenti pezzature bianche e la loro estensione. Per i gatti bianchi va inoltre indicato anche il colore degli occhi.

Per rendere il tutto più fluido e veloce le federazioni feline hanno adottato dei sistemi per identificare i mantelli in base a codici assegnati a ciascuna caratteristica. Il sistema più utilizzato è l'Easy Mind System (EMS), pensato dalla FIFe e utilizzato anche dal WCF, non è costruito partendo dalla genetica, ma ha l'intento di essere semplice e logico. CFA assegna invece numeri progressivi a ciascuna combinazione di caratteristiche, mentre TICA non impiega sistemi di codifica.

Al link sottostante un'approfondimento sul sistema EMS.